Skip to main content

Erasmus+

EU programme for education, training, youth and sport

European Youth Together

L'azione European Youth Together si rivolge alle organizzazioni giovanili di base che intendono creare partenariati transfrontalieri, ossia aggiungere una dimensione europea alle loro attività e collegare queste attività alle politiche giovanili dell'UE, soprattutto alla strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027. Lo scopo consiste nell'incoraggiare nuove candidature da parte di organizzazioni che non sono ancora ben consolidate a livello europeo. A tal fine, l'azione è intesa principalmente a sostenere attività che colleghino le organizzazioni giovanili a livello dell'UE e le ONG di base che operano a livello locale (zone rurali, città, regioni, paesi) che beneficeranno dello sviluppo di attività transfrontaliere.

La struttura generale dell'azione tiene conto delle crescenti dimensioni del settore giovanile, dei cambiamenti nelle tendenze della partecipazione giovanile e della necessità che il sostegno finanziario in questo settore sia più continuo e stabile[1]. Tiene conto inoltre dell'esigenza di migliorare l'inclusione della grande varietà di organizzazioni giovanili in Europa e di rispondere ai bisogni individuati per quanto riguarda sia le attività di base, sia i grandi progetti di cooperazione europei.

OBIETTIVI DELL'AZIONE

I progetti European Youth Together hanno lo scopo di creare reti che promuovono i partenariati transfrontalieri, attuati in stretta cooperazione con i giovani di tutta Europa (paesi aderenti al programma Erasmus+). Queste reti dovranno organizzare la cooperazione e gli scambi, promuovere le iniziative di formazione (ad esempio per animatori) e consentire ai giovani stessi di creare progetti congiunti mediante attività sia fisiche sia online.

Per l'azione, contribuire agli obiettivi per la gioventù europea e alla strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027[2] e promuovere detti obiettivi e strategia rappresentano importanti priorità tematiche. Gli obiettivi per la gioventù europea trovano riscontro anche negli orientamenti politici della presidente della Commissione von der Leyen[3]. Il ciclo di 18 mesi del dialogo con i giovani attualmente in corso[4] e le sue priorità costituiscono parimenti la base per le azioni di European Youth Together.

Infine, data la pandemia di COVID-19, sono necessarie risposte per attenuare l'impatto socioeconomico sulla gioventù, in particolare mediante lo sviluppo delle capacità e misure specifiche per affrontare la ripresa economica dalla crisi COVID-19 nel settore giovanile. In tale contesto le reti per la gioventù dovrebbero valutare modi per forgiare una solidarietà e un'inclusività che contribuiscano a rispondere alle sfide legate alle competenze digitali e agli stili di vita ecologici.

OBIETTIVI SPECIFICI

L'azione intende sostenere in particolare:

  • la promozione e lo sviluppo di una cooperazione strutturata transnazionale, online e offline, tra diverse organizzazioni giovanili al fine di creare o rafforzare partenariati incentrati sulla solidarietà e sulla partecipazione democratica inclusiva di tutti;
  • l'attuazione dei quadri e delle iniziative dell'UE quali le raccomandazioni specifiche per paese del semestre europeo[5] inerenti all'ambito della gioventù;
  • iniziative volte a incoraggiare i giovani a partecipare al processo democratico e alla società mediante l'organizzazione di iniziative di formazione; iniziative volte a mostrare i punti in comune tra i giovani europei e a stimolare la discussione e il dibattito sul loro legame con l'UE, i suoi valori e fondamenti democratici, tra l'altro dando una voce significativa alla gioventù nel quadro del processo di ripresa economica dalla crisi COVID-19;
  • la partecipazione dei gruppi di giovani sotto-rappresentati (ad es. giovani vulnerabili e svantaggiati dal punto di vista socioeconomico) alla politica, alle organizzazioni giovanili e ad altre organizzazioni della società civile;
  • nuovi modi per mettere le organizzazioni giovanili nelle condizioni di affrontare la pandemia di COVID-19 e le sue conseguenze. Indicativamente si potrebbe trattare di iniziative volte a migliorare la collaborazione tra le organizzazioni giovanili in un contesto digitale, mediante l'uso di metodi di apprendimento non formale e modelli organizzativi comprendenti modalità alternative di scambio e di aiuto reciproco.

ATTIVITÀ

Le attività proposte devono essere direttamente collegate agli obiettivi generali e specifici dell'azione e devono essere specificate in una descrizione del progetto estesa a tutto il periodo della sovvenzione per cui è fatta domanda, come indicato nelle sezioni "Messa a punto di un progetto" e "Impatto".

Le attività devono essere di natura transfrontaliera e possono essere eseguite a livello europeo (paesi aderenti al programma Erasmus+), nazionale, regionale o locale.

Esempi di attività pertinenti:

  1. attività che agevolano l'accesso e la partecipazione dei giovani alle attività delle politiche dell'UE che si svolgono a tutti i livelli della società (locale, regionale, nazionale, europeo) e in diversi contesti istituzionali (istituti formali, cooperazione e apprendimento non formali, scambi informali ecc.);
  2. attività di mobilità, compresi gli scambi per creare reti e/o beneficiare di una formazione non formale o informale;
  3. attività di sensibilizzazione, informazione, diffusione e promozione (seminari, campagne, incontri, dibattiti pubblici, consultazioni ecc.) sulle priorità strategiche dell'UE nel campo della gioventù.
  4. attività di promozione di cooperazione strategica, scambio di idee, lavoro collaborativo, co-creazione e dei relativi metodi non formali per formulare e discutere iniziative, partenariati e progetti di politica giovanile dell'UE dal basso verso l'alto tra giovani, organizzazioni giovanili, decisori politici, ricercatori e altri soggetti pertinenti della società civile. Tra tali attività possono figurare iniziative ed eventi per lo sviluppo di ONG europee per la gioventù/organizzazioni della società civile/reti a livello dell'UE;
  5. attività volte a esaminare le opinioni dei politici sulle proposte dei giovani per i sistemi democratici, compresi i punti di vista e le aspirazioni dei giovani non impegnati, le barriere e i fattori che favoriscono l'impegno tra i giovani che non conoscono le forme di partecipazione esistenti, e promuovere nuovi spazi per l'impegno politico e l'azione dei giovani in tutta Europa;
  6. attività intese a indagare il significato e i benefici della cittadinanza attiva per la gioventù dell'UE, anche in un contesto post-COVID e alla luce del nuovo Green Deal europeo al centro della ripresa, ed esaminare la rappresentanza giovanile nell'UE ricercando le differenze intra-generazionali e i cambiamenti di configurazione;
  7. attività volte a sostenere lo sviluppo di metodi standardizzati e di facile utilizzo, di strumenti e di metodi di collaborazione innovativi per le ONG del settore giovanile, compreso lo sviluppo di nuove iniziative giovanili basate sulla comunità, e di competenze e conoscenze specifiche per monitorare e valutare le attività esistenti in modo guidato dai risultati, dimostrando il valore della partecipazione giovanile nella società civile.

In questa azione è possibile includere attività di mobilità. Le attività di mobilità per i giovani devono essere un supporto agli obiettivi principali del progetto e offrire un significativo valore aggiunto al progetto e ai giovani interessati.

QUALI SONO I CRITERI CHE DEVONO ESSERE SODDISFATTI PER LA CANDIDATURA DI AZIONI DI BASE NELL'AMBITO DI EUROPEAN YOUTH TOGETHER?

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ

Per poter beneficiare di una sovvenzione Erasmus, le proposte di progetti di European Youth Together devono soddisfare i seguenti criteri.

Chi può fare domanda?

Le organizzazioni seguenti possono essere coinvolte in veste di coordinatore:

  • ONG (tra cui ONG europee per la gioventù e consigli nazionali della gioventù) impegnate nel campo della gioventù;
  • enti pubblici a livello locale, regionale o nazionale.

L'organizzazione presenta la domanda per conto di tutte le organizzazioni partecipanti coinvolte nel progetto e deve essere legalmente stabilita e ubicata in un paese aderente al programma Erasmus+.

Quale tipo di organizzazione può partecipare al progetto?

Qualsiasi organizzazione, pubblica o privata, con le eventuali entità affiliate, che opera con o per i giovani fuori da contesti formali, stabilita in un paese aderente al programma Erasmus+.

Ad esempio, tale organizzazione può essere:

  • un'organizzazione senza scopo di lucro, un'associazione, una ONG (compre le ONG europee per la gioventù);
  • un consiglio nazionale della gioventù;
  • un ente pubblico a livello locale, regionale o nazionale;
  • un istituto di istruzione o ricerca;
  • una fondazione;

un'impresa pubblica o privata, di piccole, medie o grandi dimensioni (incluse le imprese sociali). Pertanto, sebbene questa azione si rivolga principalmente alle organizzazioni senza scopo di lucro, le organizzazioni a scopo di lucro possono essere coinvolte se viene dimostrato un chiaro valore aggiunto per il progetto.

Numero e profilo delle organizzazioni partecipanti

Minimo quattro partner di almeno quattro paesi aderenti al programma Erasmus+.

Almeno la metà delle organizzazioni dei consorzi non deve aver ricevuto fondi dell'UE a titolo del programma Erasmus+ nell'ambito dell'azione chiave 3 - progetti European Youth Together nei due anni precedenti.

Sede delle attività

Le attività devono svolgersi in paesi aderenti al programma Erasmus+.

Durata del progetto

2 anni.

Dove fare domanda?

All'Agenzia esecutiva europea per l'istruzione e la cultura (EACEA), con sede a Bruxelles.

Per questa azione, ogni organizzazione può presentare entro la scadenza solo una candidatura.

Codice identificativo dell'invito: ERASMUS-YOUTH-2021-YOUTH-TOG

Quando fare domanda?

I richiedenti devono presentare la domanda di sovvenzione entro il 24 giugno alle 17:00:00 (ora di Bruxelles).

Le organizzazioni richiedenti saranno valutate rispetto ai pertinenti criteri di esclusione e selezione. Per ulteriori informazioni, consultare la parte C della presente guida.

MESSA A PUNTO DI UN PROGETTO

Un progetto European Youth Together di base si compone di quattro fasi, che iniziano ancor prima che la proposta di progetto sia selezionata per il finanziamento, ad esempio: 1) individuazione e avvio del progetto; 2) preparazione, concezione e pianificazione del progetto; 3) attuazione del progetto e monitoraggio delle attività; e 4) riesame del progetto e valutazione di impatto. Le organizzazioni partecipanti e i singoli partecipanti coinvolti nelle attività dovrebbero assumere un ruolo attivo in tutte queste fasi, migliorando così la loro esperienza di apprendimento.

  • Individuazione e avvio: individuare un problema, un bisogno o un'opportunità affrontabili tramite la propria idea di progetto nel contesto dell'invito a presentare proposte; individuare le attività chiave e i principali risultati conseguibili grazie al progetto; eseguire una rilevazione dei portatori di interessi e dei potenziali partner; formulare gli obiettivi del progetto; assicurare l'aderenza del progetto agli obiettivi strategici delle organizzazioni partecipanti; eseguire una prima pianificazione per garantire un avvio corretto del progetto e raccogliere le informazioni necessarie per passare alla fase successiva ecc.
  • Preparazione, concezione e pianificazione: specificare l'ambito del progetto e l'approccio adeguato; definire un programma per lo svolgimento dei compiti; stimare le risorse necessarie e sviluppare i dettagli del progetto, per esempio la valutazione delle necessità; definire obiettivi fondati e indicatori d'impatto (specifici, misurabili, raggiungibili, pertinenti e limitati nel tempo); individuare i risultati del progetto e dell'apprendimento; sviluppare il programma di lavoro, le tipologie di attività, l'impatto previsto, il bilancio complessivo stimato; preparare un piano di attuazione del progetto che includa gli aspetti strategici della governance del progetto, il monitoraggio, il controllo della qualità, la rendicontazione e la diffusione dei risultati; definire le modalità pratiche e confermare i gruppi destinatari delle attività previste; stringere accordi con i partner e scrivere la proposta ecc.
  • Attuazione e monitoraggio delle attività: attuare il progetto secondo i piani soddisfacendo gli obblighi di rendicontazione e comunicazione; monitorare le attività in corso e valutare i risultati del progetto rispetto ai piani; individuare e adottare azioni correttive per affrontare gli scostamenti dai piani e per risolvere problemi e rischi; individuare gli aspetti non conformi alle norme di qualità stabilite e adottare azioni correttive ecc.;
  • Riesame e valutazione di impatto: valutare i risultati del progetto rispetto agli obiettivi e ai piani di attuazione; valutare le attività e il loro impatto a diversi livelli, condividere e utilizzare i risultati del progetto ecc.

Aspetti orizzontali da considerare nell'elaborazione del progetto

Oltre al rispetto dei criteri formali e alla definizione di un accordo di cooperazione sostenibile con tutti i partner di progetto, i seguenti elementi possono contribuire ad aumentare l'impatto e la qualità dell'attuazione dei progetti European Youth Together durante le diverse fasi del progetto. I richiedenti sono incoraggiati a tenere conto di queste opportunità e di queste dimensioni durante l'elaborazione dei loro progetti.

Sostenibilità ambientale

I progetti dovrebbero essere elaborati in modo ecocompatibile e dovrebbero includere pratiche ecologiche in tutte le loro sfaccettature. Nell'elaborare il progetto, le organizzazioni e i partecipanti dovrebbero adottare un approccio rispettoso dell'ambiente che incoraggi tutti coloro che sono coinvolti nel progetto a discutere di temi ambientali e ad ampliare le proprie conoscenze in materia, riflettendo su ciò che può essere fatto a diversi livelli e aiutando le organizzazioni e i partecipanti a trovare modi alternativi e più ecologici per realizzare le attività del progetto.

Inclusione e diversità

Il programma Erasmus+ intende promuovere le pari opportunità e la parità di accesso, l'inclusione e l'equità in tutte le sue azioni. Per attuare questi principi è stata elaborata una strategia di inclusione e diversità volta a migliorare la capacità di raggiungere partecipanti di diverse estrazioni, in particolare quelli con minori opportunità, che possono incontrare ostacoli alla partecipazione ai progetti europei. Le organizzazioni dovrebbero elaborare nel loro progetto attività accessibili e inclusive, tenendo conto dei punti di vista dei partecipanti con minori opportunità e coinvolgendoli nelle decisioni durante l'intero processo.

Quale principio trasversale, le organizzazioni partecipanti dovrebbero perseguire strategie per relazionarsi al livello di base con giovani provenienti da contesti diversi. Ciò include il coinvolgimento di una popolazione giovanile con minori opportunità diversificata, comprendente anche giovani provenienti da zone remote/rurali e/o da un contesto migratorio. Tutte le attività dovrebbero pertanto contribuire ad ampliare sia il coinvolgimento dei giovani sia il loro impegno attivo, in modo da garantire l'esistenza di una pluralità di voci.

Dimensione digitale

La cooperazione e la sperimentazione virtuali e le opportunità di apprendimento virtuale e misto sono la chiave per il successo dei progetti. In particolare, è fortemente incoraggiato l'uso, nell'ambito dei progetti, del Portale europeo per i giovani e della piattaforma della strategia dell'UE per la gioventù per cooperare prima, durante e dopo le attività del progetto.

Valori comuni, impegno civico e partecipazione

I progetti sosterranno la cittadinanza attiva e l'etica e promuoveranno lo sviluppo delle competenze sociali e interculturali, il pensiero critico e l'alfabetizzazione mediatica. L'attenzione sarà anche rivolta alla sensibilizzazione e alla comprensione del contesto dell'Unione europea.

 

IMPATTO PREVISTO

I progetti sovvenzionati dovrebbero dimostrare il loro contributo previsto alle politiche dell'UE per la gioventù nei modi seguenti:

  • contribuendo a migliorare la capacità del settore giovanile attivo al livello di base di svolgere le proprie attività a livello transnazionale con l'obiettivo di garantire inclusività, solidarietà e sostenibilità, anche promuovendo l'apprendimento e la cooperazione transnazionali tra giovani e decisori politici;
  • prendendo le mosse dagli obiettivi della strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027 e, più specificamente, dimostrando il modo in cui contribuiscono alle priorità "mobilitare-collegare-responsabilizzare" definite dalla strategia;
  • riprendendo i risultati degli obiettivi per la gioventù europea, del dialogo con i giovani e di altri progetti di dibattito con i giovani e sondaggi di opinione concernenti il futuro dell'Europa e collegandoli allo sviluppo delle politiche a livello locale/regionale/nazionale/europeo;
  • utilizzando come base le raccomandazioni specifiche per paese del semestre europeo inerenti all'ambito della gioventù;
  • migliorando il coinvolgimento dei giovani nella vita democratica, in termini di cittadinanza attiva e di interazione con i decisori politici (emancipazione, nuove competenze, coinvolgimento dei giovani nell'elaborazione di progetti ecc.);
  • estendendo le migliori pratiche esistenti e la sensibilizzazione al di là del livello locale (zone rurali, città, regioni, paesi) e delle reti ordinarie, anche facendo buon uso dei mezzi digitali per rimanere connessi in tutte le circostanze, comprese le situazioni di lontananza, isolamento o confinamento;
  • diffondendo i loro risultati in modo efficace e invitante tra i giovani coinvolti nelle organizzazioni giovanili, così da gettare le basi per partenariati più sistematici, e anche tra i giovani non affiliati a strutture giovanili o provenienti da contesti svantaggiati.

CRITERI DI AGGIUDICAZIONE

Pertinenza del progetto

(punteggio massimo 30 punti)

  • Scopo e valore aggiunto dell'UE: la proposta definisce ed elabora un progetto che sostiene le politiche per la gioventù a livello dell'UE, in particolare la strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027. La proposta dimostra chiaramente il valore aggiunto dell'UE a livello sistemico generato dalla sua transnazionalità e dalla sua potenziale trasferibilità.
  • Obiettivi: gli obiettivi della proposta sono pertinenti agli obiettivi generali dell'azione e ad almeno uno dei suoi obiettivi specifici; inoltre gli obiettivi della proposta sono specifici e chiaramente definiti, raggiungibili, misurabili, realistici, tempestivi e affrontano questioni pertinenti alle organizzazioni partecipanti e con un chiaro valore aggiunto per i gruppi destinatari scelti.
  • Esigenze: la proposta dimostra che si basa su un'accurata valutazione delle esigenze fondata, per quanto possibile, su fatti e cifre verificabili, corroborati da dati generali e specifici pertinenti a tutti i paesi e a tutte le organizzazioni del consorzio. L'analisi delle esigenze deve essere chiara e collegata alle realtà concrete dei richiedenti, dei partner e dei gruppi destinatari.
  • Coinvolgimento dei giovani: il partenariato dimostra di essere in grado di garantire, già dalla fase di progettazione delle attività legate ai giovani, un impegno attivo presso una popolazione giovanile diversificata, come quella di zone remote/rurali o proveniente da contesti migratori e/o da ambienti sociali svantaggiati.

 

Qualità dell'elaborazione e dell'attuazione del progetto

(punteggio massimo 30 punti)

  • Pianificazione: la proposta è chiara, completa e di elevata qualità e comprende adeguate fasi di preparazione, attuazione, monitoraggio e valutazione del progetto basate su solide metodologie di gestione.
  • Metodologia: l'attuazione si basa su metodologie adeguate; gli obiettivi sono coerenti con le attività e sono chiaramente delineati con nessi logici tra i problemi individuati, le esigenze e le soluzioni proposte; il piano di lavoro è coerente e concreto; sono previste misure e indicatori di controllo della qualità adeguati per garantire che il progetto sia debitamente realizzato con la qualità richiesta, entro l'ambito, i tempi e il bilancio definiti; sono previsti piani concreti e adeguati di gestione del rischio e delle emergenze.
  • Efficacia in termini di costi: il bilancio proposto è coerente, sufficientemente dettagliato, idoneo all'attuazione del progetto e concepito per garantire il miglior rapporto qualità/prezzo. Le risorse assegnate alle unità di progetto sono coerenti con gli obiettivi e i risultati di queste ultime. Il bilancio tiene conto delle esigenze delle organizzazioni di base e dei giovani vulnerabili al fine di incoraggiarne l'inclusione nel programma Erasmus+.

 

Qualità del partenariato e degli accordi di cooperazione

(punteggio massimo 20 punti)

  • Configurazione: il progetto prevede un'adeguata combinazione di organizzazioni partecipanti complementari, con i profili, l'esperienza, le competenze e il sostegno alla gestione necessari a conseguire i suoi obiettivi; il valore aggiunto delle organizzazioni a scopo di lucro, se coinvolte nel consorzio, è chiaramente dimostrato.
  • Composizione geografica: il partenariato dimostra la capacità di riflettere la diversità economica, sociale e/o culturale europea mediante la sua composizione geografica (coinvolgendo cioè le zone orientali, occidentali, settentrionali e meridionali dell'Europa) in modo da garantire una cooperazione realmente paneuropea.
  • Sviluppo delle ONG locali: il partenariato ha la capacità di sviluppare le capacità e le conoscenze delle ONG locali non ancora ben consolidate a livello europeo per ottenere una maggiore collaborazione inter pares tra le ONG di tutta Europa.
  • Impegno e compiti: la distribuzione delle responsabilità e dei compiti nel partenariato è chiara e adeguata; il coordinatore dimostra l'elevata qualità delle proprie capacità di gestione, il potenziale di coordinamento delle reti transnazionali e di leadership in contesti complessi.
  • Accordi di cooperazione: i meccanismi di governance proposti garantiscono la buona riuscita del coordinamento, del processo decisionale, della comunicazione e della risoluzione dei conflitti tra le organizzazioni partecipanti, i partecipanti e qualsiasi altro portatore di interessi pertinente.
  • Coinvolgimento dei giovani: i giovani sono adeguatamente coinvolti ad ogni stadio di attuazione del progetto e l'inclusione dei giovani è oggetto di attenzione in ogni fase e a ogni livello del progetto, prevedendo ruoli di responsabilizzazione e/o strategie concrete per garantire la diversificazione dei partecipanti.

Impatto

(punteggio massimo 20 punti)

  • Impatto: l'impatto potenziale del progetto sui partecipanti e sulle organizzazioni partner è elevato; esso mira in particolare ad ampliare il focus sulle attività nazionali, regionali o locali delle organizzazioni di base di natura non ancora transfrontaliera là dove le attività sono state sviluppate a livello dell'UE durante e dopo lo svolgimento del progetto e sulla comunità giovanile in generale. I risultati attesi dimostrano la comprensione da parte del richiedente e dei partner dei valori dell'Unione europea, in particolare in materia di cittadinanza, e la loro capacità di comunicarli.
  • Diffusione: la proposta dimostra la capacità di sensibilizzare i giovani e l'abilità di comunicare efficacemente con un pubblico mondiale più ampio in merito ai problemi e alle soluzioni delle comunità che rappresentano; in particolare, la proposta prevede un piano efficace per la comunicazione e la diffusione dei risultati e include obiettivi, attività e distribuzione dei compiti tra i partner adeguati, tempistiche pertinenti, strumenti e canali per garantire che i risultati e i benefici siano trasmessi efficacemente ai decisori politici e siano accessibili agli utenti finali sia durante che dopo lo svolgimento del progetto.
  • Sostenibilità: la proposta individua chiaramente i modi in cui i risultati del progetto potrebbero indurre cambiamenti sistemici nel settore giovanile sia durante lo svolgimento del progetto che dopo, avendo forti potenzialità per consentire una cooperazione duratura a livello dell'UE e/o ispirare nuove politiche e iniziative per i giovani nell'UE.

Per essere prese in considerazione per il finanziamento, le domande devono ottenere almeno 60 punti, tenuto conto anche della soglia minima necessaria per ognuno dei quattro criteri di aggiudicazione (cioè minimo 15 punti per le categorie "Pertinenza del progetto" e "Qualità dell'elaborazione e dell'attuazione del progetto"; 10 punti per le categorie "Qualità del partenariato e degli accordi di cooperazione" e "Impatto"). Nei casi ex aequo sarà data priorità ai punteggi più alti per i criteri (in ordine di importanza) "Pertinenza del progetto" e "Impatto".

Di norma, ed entro i limiti dei quadri giuridici nazionali ed europei esistenti, i risultati dovrebbero essere resi disponibili sotto forma di risorse didattiche aperte (OER) e nelle pertinenti piattaforme professionali, settoriali o delle autorità competenti. La proposta descriverà il modo in cui la produzione di dati, materiali e documenti nonché le attività di tipo audiovisivo e nei social media saranno messe a disposizione gratuitamente e promosse mediante licenze aperte senza contenere limitazioni sproporzionate.

QUALI SONO LE NORME DI FINANZIAMENTO?

Il finanziamento di questa azione avverrà su base forfettaria. L'importo forfettario di ogni sovvenzione sarà determinato in base al bilancio dell'azione proposta stimato dal richiedente. L'ente che assegnerà la sovvenzione ne fisserà l'importo forfettario in base alla proposta, al risultato della valutazione, ai tassi di finanziamento e all'importo massimo della sovvenzione indicato nell'invito a presentare proposte.

La sovvenzione dell'UE massima per progetto è 150 000 EUR.

Come è stabilito l'importo forfettario per ciascun progetto?

I richiedenti devono compilare un bilancio dettagliato (tabella) sulla base del modulo di candidatura, tenendo conto dei seguenti punti:

  1. il bilancio dovrebbe essere debitamente dettagliato per beneficiario e organizzato in unità di progetto coerenti (per esempio diviso in "gestione del progetto", "formazione", "organizzazione di eventi", "preparazione e attuazione della mobilità", "comunicazione e divulgazione", "garanzia della qualità" ecc.);
  2. la proposta deve descrivere le attività previste in ogni unità di progetto;
  3. Nella loro proposta i richiedenti devono inserire una ripartizione dei costi stimati che mostri la quota attribuita a ciascuna unità di progetto (e, all'interno di ogni unità di progetto, la quota assegnata a ogni beneficiario ed entità affiliata).
  4. i costi descritti possono riguardare il personale, le spese di viaggio e di soggiorno, i costi per le attrezzature, per il subappalto e altri costi (diffusione di informazioni, pubblicazioni, traduzione).

Le proposte saranno valutate secondo le normali procedure di valutazione con l'aiuto di esperti interni e/o esterni. Gli esperti valuteranno la qualità delle proposte rispetto ai requisiti definiti nell'invito e all'impatto, alla qualità e all'efficienza previsti dell'azione.

Dopo la valutazione della proposta, l'ordinatore stabilirà l'importo forfettario tenendo conto dei risultati della valutazione effettuata. Il valore dell'importo forfettario sarà limitato a un massimo dell'80 % del bilancio stimato determinato dopo la valutazione.

I parametri della sovvenzione (importo massimo, tasso di finanziamento, costi totali ammissibili ecc.) saranno fissati nella convenzione di sovvenzione.

Gli esiti del progetto saranno valutati in base ai risultati raggiunti. Il regime di finanziamento consentirebbe di concentrarsi sui risultati piuttosto che sui contributi, ponendo così l'accento sulla qualità e sul livello di conseguimento di obiettivi misurabili.

Maggiori dettagli sono descritti nel modello di convenzione di sovvenzione disponibile nel portale "Funding and Tender Opportunities".

  1. "Study on the landscape of youth representation in the EU" (EAC/47/2014).

  2. Risoluzione 2018/C 456/01 del Consiglio, pubblicata nel dicembre 2018: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:42018Y1218(01)&from=EN.

  3. Cfr. https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/IP_19_5542

  4. Da metà 2020 a fine 2021.

  5. https://ec.europa.eu/info/business-economy-euro/economic-and-fiscal-policy-coordination/eu-economic-governance-monitoring-prevention-correction/european-semester_it.

.foot {font-size: 0.8em; margin-left: 2.5em; border-top: 1px solid black;} table, td, tr{border: 1px solid black; cellpadding="1"; cellspacing="1";} table{margin-bottom: 30px;}
Tagged in: