Skip to main content

Erasmus+

EU programme for education, training, youth and sport

Questa pagina web non riprende ancora il contenuto della guida del programma Erasmus+ 2022. Tuttavia è possibile scaricare la guida integrale per il 2022 nella lingua prescelta in formato PDF tramite il pulsante "Download" sul lato destro della pagina.

Progetti di mobilità per i giovani - "Scambi Di Giovani"

Nell'ambito di questa azione[1], le organizzazioni e i gruppi informali di giovani possono ricevere sostegno per realizzare progetti che riuniscono giovani di diversi paesi per effettuare scambi e apprendere al di fuori del loro sistema di istruzione formale.

OBIETTIVI DELL'AZIONE

Il programma Erasmus+ sostiene la mobilità dei giovani a fini di apprendimento non formale sotto forma di scambi di giovani, con l'obiettivo di coinvolgere e responsabilizzare i giovani affinché diventino cittadini attivi, collegarli al progetto europeo e aiutarli ad acquisire e sviluppare competenze utili per la vita e per il loro futuro professionale.

Più specificamente gli scambi di giovani mirano a conseguire gli obiettivi seguenti:

  • favorire il dialogo e l'apprendimento interculturali e l'identità europea;
  • sviluppare le abilità e le attitudini dei giovani;
  • rafforzare i valori europei e abbattere i pregiudizi e gli stereotipi;
  • aumentare la consapevolezza sui temi socialmente rilevanti, stimolando l'impegno nella società e la partecipazione attiva.

L'azione è aperta a tutti i giovani con particolare attenzione ai giovani con minori opportunità.

CONTESTO DELLE POLITICHE

La strategia dell'Unione europea per la gioventù 2019-2027 definisce un quadro di riferimento per la cooperazione europea in materia di gioventù, basato sulla comunicazione della Commissione, del 22 maggio 2018, "Mobilitare, collegare e responsabilizzare i giovani". La strategia incoraggia la partecipazione dei giovani alla vita democratica, sostiene l'impegno sociale e civico e mira a garantire che tutti i giovani dispongano delle risorse necessarie per prendere parte alla società. La strategia dell'UE per la gioventù comprende anche un processo di dialogo con i giovani e in questo contesto nel 2018 sono stati messi a punto 11 obiettivi per la gioventù europea. Questi obiettivi individuano problematiche trasversali che hanno un'incidenza sulla vita dei giovani. La strategia dell'UE per la gioventù dovrebbe contribuire a realizzare la visione dei giovani. Nel settore d'intervento "Collegare", la strategia dell'UE per la gioventù promuove e facilita i collegamenti, le relazioni e lo scambio di esperienze tra i giovani, in quanto costituiscono una risorsa fondamentale per il futuro sviluppo dell'Unione europea. Tali collegamenti sono promossi al meglio tramite diverse forme di mobilità, una delle quali è rappresentata dagli scambi di giovani.

https://ec.europa.eu/youth/policy/youth-strategy_it.

Strategie tematiche nel campo della gioventù

Il programma Erasmus+ mira a promuovere la partecipazione dei giovani, il rafforzamento della qualità dei processi di apprendimento informale e non formale e lo sviluppo di un'animazione socioeducativa di qualità. Un ulteriore sostegno in questi settori è disponibile attraverso strategie tematiche specifiche, come la strategia di partecipazione giovanile, Youthpass e la strategia europea di formazione (ETS)[2].

DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ

Scambi di giovani

Gli scambi di giovani permettono a gruppi di giovani provenienti da almeno due paesi diversi di incontrarsi per un breve periodo e realizzare insieme un programma di apprendimento non formale (una combinazione di seminari, esercitazioni, dibattiti, giochi di ruolo, simulazioni, attività all'aria aperta ecc.), su argomenti di loro interesse, traendo ispirazione dagli obiettivi per la gioventù europea[3]. Il periodo di apprendimento comprende la fase di preparazione, la valutazione e il follow-up dopo lo scambio.

Non sono ammissibili alle sovvenzioni nell'ambito degli scambi di giovani: i viaggi di studio universitari, le attività di scambio a scopo di lucro, le attività di scambio classificabili come viaggi turistici, i festival, i viaggi di piacere, le tournée o le assemblee e i corsi di formazione per giovani tenuti da adulti.

Oltre agli scambi di giovani, i progetti possono comprendere anche visite preparatorie.

Visite preparatorie

Lo scopo di una visita preparatoria è assicurare l'alta qualità delle attività di mobilità facilitando e preparando accordi amministrativi, creando un clima di fiducia e comprensione, oltre ad una solida partnership tra le organizzazioni e le persone coinvolte. Nel caso di attività di scambio che coinvolgono giovani con minori opportunità, la visita preparatoria dovrebbe permettere di garantire che le esigenze specifiche dei partecipanti possano essere soddisfatte. Le visite preparatorie si svolgono nel paese di una delle organizzazioni ospitanti prima dell'inizio dell'attività di scambio.

MESSA A PUNTO DI UN PROGETTO

Un progetto è realizzato da almeno due organizzazioni. Le organizzazioni coinvolte in un progetto dovrebbero trarre beneficio dalla partecipazione; il progetto pertanto dovrebbe essere in linea con i loro obiettivi e rispondere alle loro esigenze. Le organizzazioni coinvolte assumono il ruolo di "organizzazioni di invio" dei partecipanti e/o di "organizzazioni ospitanti", ossia che ospitano l'attività. Una delle organizzazioni assume anche il ruolo di coordinatore e presenta la domanda per l'intero progetto a nome del partenariato.

Un progetto si compone di quattro fasi: pianificazione, preparazione, attuazione e follow-up. Le organizzazioni partecipanti e i giovani coinvolti nelle attività dovrebbero assumere un ruolo attivo in tutte queste fasi, migliorando così la loro esperienza di apprendimento.

  • Pianificazione (definire le necessità, gli obiettivi, i risultati dell'apprendimento, le tipologie di attività, lo sviluppo del programma di lavoro, il calendario delle attività ecc.).
  • Preparazione (organizzazione pratica, accordi con i partner, preparazione linguistica/interculturale/connessa all'apprendimento e ai compiti dei partecipanti prima della partenza ecc.).
  • Attuazione delle attività.
  • Follow-up (valutazione delle attività, individuazione e documentazione dei risultati dell'apprendimento dei partecipanti, diffusione e utilizzo dei risultati del progetto).

Uno scambio di giovani di qualità:

  • si basa sul coinvolgimento attivo dei giovani e delle organizzazioni partecipanti, che dovrebbero assumere un ruolo attivo in tutte le fasi del progetto, valorizzando così la loro esperienza di apprendimento e di crescita;
  • coinvolge diversi gruppi di partecipanti e si fonda su tale diversità;
  • si basa su esigenze dei giovani partecipanti chiaramente individuate;
  • assicura che i risultati dell'apprendimento non formale e informale dei partecipanti siano adeguatamente individuati e documentati;
  • incoraggia i partecipanti a riflettere su temi e valori europei.

Processo di apprendimento

Per uno scambio di giovani nel contesto dell'apprendimento non formale occorre che almeno una parte dei risultati dell'apprendimento desiderati sia pianificata in anticipo, al fine di garantire le opportunità appropriate. I giovani che partecipano all'attività dovrebbero contribuire a determinare le loro esigenze e l'apprendimento che desiderano ottenere o sviluppare mediante lo scambio.

I partecipanti dovrebbero inoltre essere coinvolti il più possibile nella progettazione e nello sviluppo dell'attività (impostazione del programma, metodi di lavoro e definizione della divisione dei compiti) e pensare a come prepararsi per massimizzare l'apprendimento e la crescita personale che possono conseguire durante lo scambio.

Al termine dell'attività principale i partecipanti saranno invitati a valutare l'attività, a riflettere su ciò che hanno imparato e su come possono utilizzare i risultati dell'apprendimento. Dovrebbero inoltre considerare un possibile seguito da dare all'attività; ciò può essere fatto individualmente o, se possibile, in gruppo.

Le organizzazioni dovrebbero sostenere il processo di apprendimento, l'individuazione e la documentazione dei risultati dell'apprendimento, in particolare mediante Youthpass.

Inclusione e diversità

Il programma Erasmus+ intende promuovere le pari opportunità e la parità di accesso, l'inclusione e l'equità in tutte le sue azioni. Le organizzazioni dovrebbero elaborare, nel loro progetto, attività accessibili e inclusive, tenendo conto dei punti di vista dei partecipanti con minori opportunità e coinvolgendoli nel processo decisionale. 

Gli scambi di giovani sono particolarmente indicati per l'inclusione dei giovani con minori opportunità, infatti:

  • la mobilità di gruppo offre un'esperienza di mobilità internazionale nella sicurezza di un gruppo;
  • la durata relativamente breve facilita il coinvolgimento dei giovani con minori opportunità;
  • il coinvolgimento di partecipanti locali facilita la prima partecipazione a progetti europei.

Gli scambi di giovani permettono anche di affrontare i temi dell'inclusione e della diversità come argomento principale del progetto, ad esempio per aiutare a combattere gli stereotipi e per promuovere la comprensione, la tolleranza e la non discriminazione. 

Protezione e sicurezza dei partecipanti

Gli scambi di giovani prevedono la partecipazione di capigruppo che da un lato monitorano e forniscono sostegno ai partecipanti per garantire la qualità del processo di apprendimento durante l'attività principale e dall'altro si impegnano per garantire un ambiente sicuro, rispettoso e non discriminatorio nonché la protezione dei partecipanti. Durante la pianificazione e la preparazione di uno scambio di giovani si dovrebbe affrontare la questione della protezione e della sicurezza dei partecipanti e si dovrebbero prevedere tutte le misure necessarie per prevenire/ridurre i rischi.

Sostenibilità ambientale

Uno scambio di giovani dovrebbe promuovere un comportamento responsabile e sostenibile dal punto di vista ambientale tra i partecipanti, sensibilizzandoli all'importanza di agire per ridurre o compensare l'impronta ambientale delle attività di mobilità. Dovrebbe essere progettato e realizzato con coscienza ambientale, integrando ad esempio pratiche sostenibili come la scelta di materiali riutilizzabili o ecocompatibili, la riduzione dei rifiuti e il riciclaggio e l'utilizzo di mezzi di trasporto sostenibili.

Transizione digitale

Il programma Erasmus+ sostiene tutte le organizzazioni partecipanti affinché usino strumenti e metodi di apprendimento digitali a integrazione delle attività in presenza fisica, per migliorare la qualità delle attività e la collaborazione tra le organizzazioni partner.

Norme di qualità Erasmus nel campo della gioventù

L'attuazione di tutti i progetti sostenuti nell'ambito di questa azione deve seguire le norme di qualità Erasmus nel campo della gioventù così che vengano organizzate attività di mobilità a fini di apprendimento di elevata qualità. Le norme di qualità Erasmus nel campo della gioventù riguardano sia i principi di base dell'azione sia le pratiche concrete di attuazione dei compiti del progetto, come la selezione e la preparazione dei partecipanti, la definizione, la valutazione e il riconoscimento dei risultati dell'apprendimento, la condivisione dei risultati del progetto ecc. Le norme di qualità Erasmus nel campo della gioventù sono disponibili a questo indirizzo: https://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/resources/documents/erasmus-quality-standards-mobility-projects-youth_en.

 

CRITERI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE DI QUESTO PROGETTO

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ

Criteri generali di ammissibilità

I criteri generali che seguono si applicano ai progetti standard nell'ambito degli scambi di giovani. Per gli accreditamenti, fare riferimento alla relativa sezione della presente guida.

Organizzazioni partecipanti ammissibili

Un'organizzazione partecipante può essere:

  • un'organizzazione senza scopo di lucro, un'associazione o una ONG; ONG europea per la gioventù; un ente pubblico a livello locale, regionale, nazionale; un'impresa sociale; un organismo a scopo di lucro attivo nella responsabilità sociale delle imprese;
  • un gruppo informale di giovani[4].

stabiliti in un paese aderente al programma o in un paese partner vicino all'UE (regioni da 1 a 4; cfr. sezione "Paesi ammissibili" nella parte A della presente guida).

Chi può fare domanda?

Possono candidarsi le organizzazioni o i gruppi partecipanti ammissibili stabiliti in un paese aderente al programma. Tale organizzazione presenta la domanda per conto di tutte le organizzazioni partecipanti coinvolte nel progetto[5].

Numero di organizzazioni partecipanti

Devono essere coinvolte almeno due organizzazioni partecipanti (una di invio e una ospitante) di paesi diversi.

Durata del progetto

Da 3 a 24 mesi.

Dove fare domanda?

Presso l'agenzia nazionale del paese in cui è stabilita l'organizzazione richiedente.

Quando fare domanda?

I richiedenti devono presentare la domanda di sovvenzione entro le date seguenti:

11 maggio alle 12:00:00 (mezzogiorno, ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1º agosto e il 31 dicembre dello stesso anno

5 ottobre alle 12:00:00 (mezzogiorno, ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1º gennaio e il 31 maggio dell'anno successivo

Come fare domanda?

Per i dettagli riguardanti le modalità di candidatura, consultare la parte C della presente guida.

Allegati

Al modulo di candidatura deve essere allegata un'autocertificazione del rappresentante legale.

Al modulo di candidatura deve essere allegato un calendario relativo a ciascuno scambio di giovani e a ciascuna visita preparatoria previsti nel progetto.

Ulteriori criteri di ammissibilità per gli scambi di giovani

Durata dell'attività

Da 5 a 21 giorni, escluso il tempo di viaggio.

Sede (o sedi) dell'attività

L'attività deve svolgersi nel paese di una delle organizzazioni (o di varie organizzazioni nel caso di attività itineranti) partecipanti all'attività.

Numero di organizzazioni partecipanti

Devono essere coinvolte almeno due organizzazioni partecipanti (una di invio e una ospitante) di paesi diversi.

Attività nei paesi aderenti al programma: tutte le organizzazioni partecipanti devono avere sede in un paese aderente al programma.

Attività nei paesi partner vicini all'UE: l'attività deve coinvolgere almeno un'organizzazione partecipante di un paese aderente al programma e un'organizzazione partecipante di un paese partner vicino all'UE.

Partecipanti ammissibili

Giovani di età compresa tra 13 e 30[6] anni residenti nei paesi delle organizzazioni di invio e ospitanti.

I capigruppo[7] e i facilitatori coinvolti nello scambio di giovani devono avere almeno 18 anni.

Numero di partecipanti e composizione dei gruppi nazionali

Minimo 16 e massimo 60 partecipanti per attività (esclusi i capigruppo, i facilitatori e gli accompagnatori). Nel caso di uno scambio di giovani che coinvolga solo giovani con minori opportunità, il numero minimo di partecipanti è 10.

Almeno due gruppi di giovani provenienti da due paesi diversi.

Ciascun gruppo nazionale deve avere almeno un capogruppo.

Massimo un facilitatore per attività.

Altri criteri

  • Almeno una delle organizzazioni di invio o ospitanti che partecipano all'attività deve essere del paese dell'agenzia nazionale a cui viene presentata la domanda.

Ulteriori criteri di ammissibilità per le visite preparatorie

Sede (o sedi) dell'attività

L'attività deve svolgersi nel paese di una delle organizzazioni ospitanti.

Partecipanti ammissibili

I rappresentanti delle organizzazioni partecipanti, i facilitatori, i capigruppo e i giovani che partecipano all'attività principale.

CRITERI DI AGGIUDICAZIONE

I progetti saranno valutati secondo i criteri illustrati di seguito. Per essere prese in considerazione per il finanziamento, le proposte devono ottenere almeno 60 punti. Inoltre devono ottenere almeno la metà del punteggio massimo in ciascuna delle categorie dei criteri di aggiudicazione menzionate di seguito.

Pertinenza, fondamento e impatto

(punteggio massimo 30 punti)

  • Pertinenza del progetto rispetto:
  • agli obiettivi dell'azione;
  • alle esigenze delle organizzazioni partecipanti e dei singoli partecipanti;
  • alla misura in cui il progetto è idoneo alla produzione di risultati dell'apprendimento di alta qualità per i partecipanti.
  • Il potenziale impatto del progetto:
  • sui partecipanti e sulle organizzazioni partecipanti, durante il progetto e dopo la sua conclusione;
  • al di fuori delle organizzazioni e dei soggetti che partecipano direttamente al progetto, a livello locale, regionale, nazionale e/o europeo o mondiale.
  • Misura in cui il progetto è idoneo a contribuire all'inclusione e alla diversità, all'ecologia, al digitale e alla dimensione partecipativa del programma.
  • Misura in cui il progetto coinvolge nell'azione i nuovi partecipanti e le organizzazioni meno esperte.

Qualità dell'elaborazione del progetto

(punteggio massimo 40 punti)

  • Coerenza tra esigenze individuate, obiettivi del progetto, profili dei partecipanti e attività proposte;
  • chiarezza, completezza e qualità di tutte le fasi del progetto: preparazione (compresa quella fornita ai partecipanti), attuazione delle attività e follow-up;
  • misura in cui i giovani sono coinvolti in tutte le fasi del progetto;
  • misura in cui le attività sono concepite in modo accessibile e inclusivo e sono aperte a partecipanti di estrazione diversa e con abilità differenti; 
  • idoneità dei metodi di apprendimento partecipativo proposti, anche per eventuali componenti virtuali;
  • qualità degli accordi e del sostegno relativi al processo di riflessione, individuazione e documentazione dei risultati dell'apprendimento dei partecipanti e uso coerente degli strumenti europei di trasparenza e riconoscimento, in particolare Youthpass;
  • rappresentanza equilibrata dei partecipanti in termini geografici e di genere;
  • adeguatezza ed efficacia delle misure previste per garantire la sicurezza e la protezione dei partecipanti;
  • misura in cui le attività prevedono pratiche sostenibili ed ecocompatibili.

Qualità della gestione del progetto

(punteggio massimo 30 punti)

  • Qualità dell'organizzazione pratica, della gestione e delle modalità di sostegno;
  • qualità della cooperazione e della comunicazione tra le organizzazioni partecipanti e con gli altri portatori d'interessi pertinenti;
  • qualità delle misure per valutare le varie fasi e i risultati del progetto;
  • adeguatezza e qualità delle misure volte a diffondere i risultati del progetto all'interno delle organizzazioni partecipanti e al di fuori di esse.

NORME DI FINANZIAMENTO

Categoria di bilancio

Costi ammissibili e norme applicabili

Importo

Sostegno organizzativo

Costi direttamente legati alla realizzazione delle attività di mobilità.

Meccanismo di finanziamento: contributo ai costi unitari.

Norma di assegnazione: in base al numero di partecipanti, esclusi i capigruppo, gli accompagnatori e i facilitatori.

100 EUR per partecipante a uno scambio di giovani

Viaggio

Contributo ai costi di viaggio dei partecipanti, inclusi gli accompagnatori e i facilitatori, dal loro luogo di origine alla sede dell'attività e ritorno.

Meccanismo di finanziamento: contributo ai costi unitari.

Norma di assegnazione: in base alla distanza e al numero di persone.

Il richiedente deve indicare la distanza tra il luogo di origine e la sede dell'attività[8] utilizzando il calcolatore di distanza della Commissione europea[9].

Per le attività itineranti, il richiedente deve sommare le distanze tra le singole sedi e scegliere la fascia di distanza corrispondente al totale[10].

Distanze di viaggio

Viaggio normale

Viaggio ecologico

0 – 99 km

23 EUR

 

100 – 499 km

180 EUR

210 EUR

500 – 1 999 km

275 EUR

320 EUR

2 000 – 2 999 km

360 EUR

410 EUR

3 000 – 3 999 km

530 EUR

610 EUR

4 000 – 7 999 km

820 EUR

 

8 000 km o più

1 500 EUR

 

Sostegno individuale

Costi connessi al soggiorno.

Meccanismo di finanziamento: contributo ai costi unitari.

Norma di assegnazione: in base alla durata del soggiorno per partecipante, compresi i capigruppo, gli accompagnatori e i facilitatori (se necessario), compreso anche un giorno di viaggio prima e un giorno di viaggio dopo l'attività e fino a quattro giorni supplementari per i partecipanti che ricevono una sovvenzione per viaggio ecologico.

Tabella A2.1 al giorno per partecipante.

Sostegno all'inclusione

Costi relativi all'organizzazione di attività di mobilità per i partecipanti con minori opportunità.

Meccanismo di finanziamento: contributo ai costi unitari.

Norma di assegnazione: in base al numero di partecipanti con minori opportunità, esclusi i capigruppo, gli accompagnatori e i facilitatori.

100 EUR per partecipante a uno scambio di giovani

Costi supplementari direttamente connessi ai partecipanti con minori opportunità e ai loro accompagnatori, capigruppo e facilitatori (comprese le spese di viaggio e soggiorno, se giustificate e a condizione che la sovvenzione per questi partecipanti non sia richiesta mediante le categorie di bilancio "Viaggio" e "Sostegno individuale").

Meccanismo di finanziamento: costi reali.

Norma di assegnazione: la richiesta deve essere giustificata dal richiedente e approvata dall'agenzia nazionale.

100 % dei costi ammissibili.

Sostegno alle visite preparatorie

Costi legati alla realizzazione della visita preparatoria, compresi il viaggio e il soggiorno.

Meccanismo di finanziamento: costi unitari.

Norma di assegnazione: esclusi i partecipanti dell'organizzazione ospitante. È possibile finanziare al massimo 1 partecipante per organizzazione partecipante per attività. Non vi sono limiti per i facilitatori che partecipano all'attività principale. Condizione: la necessità di una visita preparatoria, gli obiettivi e i partecipanti devono essere giustificati dal richiedente e approvati dall'agenzia nazionale.

575 EUR per partecipante per visita preparatoria.

Costi eccezionali

Costi per la fornitura di una garanzia finanziaria, se richiesta dall'agenzia nazionale.

Costi per il visto o connessi a esso, titoli di soggiorno, vaccinazioni, certificati medici. Spese di viaggio elevate dei partecipanti, compresi i capigruppo, gli accompagnatori e i facilitatori; incluso l'impiego di mezzi di trasporto più puliti con minori emissioni di carbonio.

Meccanismo di finanziamento: costi reali.

Norma di assegnazione: la richiesta deve essere giustificata dal richiedente e approvata dall'agenzia nazionale.

Garanzia finanziaria: 80 % dei costi ammissibili.

Spese di viaggio elevate: 80 % dei costi ammissibili.

Costi per il visto o connessi a esso, titoli di soggiorno, vaccinazioni, certificati medici: 100 % dei costi ammissibili

Tabella A2.1 -Sostegno individuale per scambi di giovani

 

 

Sostegno individuale (importi giornalieri in EUR)

 

Austria

45 EUR

Belgio

42 EUR

Bulgaria

32 EUR

Croazia

35 EUR

Cipro

32 EUR

Repubblica ceca

32 EUR

Danimarca

45 EUR

Estonia

33 EUR

Finlandia

45 EUR

Repubblica di Macedonia del Nord

28 EUR

Francia

38 EUR

Germania

41 EUR

Grecia

38 EUR

Ungheria

33 EUR

Islanda

45 EUR

Irlanda

49 EUR

Italia

39 EUR

Lettonia

34 EUR

Liechtenstein

45 EUR

Lituania

34 EUR

Lussemburgo

45 EUR

Malta

39 EUR

Paesi Bassi

45 EUR

Norvegia

50 EUR

Polonia

34 EUR

Portogallo

37 EUR

Romania

32 EUR

Serbia

29 EUR

Slovacchia

35 EUR

Slovenia

34 EUR

Spagna

34 EUR

Svezia

45 EUR

Turchia

32 EUR

Paesi partner vicini all'UE

29 EUR

  1. Il bilancio principale di questa azione è destinato a sostenere attività transnazionali che coinvolgono organizzazioni e partecipanti dei paesi aderenti al programma. Tuttavia circa il 25 % del bilancio disponibile può finanziare attività di mobilità internazionale che coinvolgono organizzazioni e partecipanti dei paesi aderenti al programma e dei paesi partner vicini all'UE (regioni da 1 a 4; cfr. la sezione "Paesi ammissibili" nella parte A di questa guida).

  2. Le strategie sono illustrate all'indirizzo seguente: https://www.salto-youth.net/.

  3. Gli obiettivi per la gioventù europea sono stati messi a punto nell'ambito della strategia dell'UE per la gioventù. Questi obiettivi individuano problematiche trasversali che hanno un'incidenza sulla vita dei giovani (https://ec.europa.eu/youth/policy/youth-strategy_it).

  4. Gruppo di almeno quattro giovani tra i 13 e i 30 anni. Uno dei membri del gruppo di almeno 18 anni di età assume il ruolo di rappresentante e la responsabilità a nome del gruppo. Cfr. il glossario per la definizione di gruppo informale. Ai fini della presente azione e delle eventuali disposizioni ad essa relative, "un gruppo informale di giovani" rientra nella nozione di "organizzazione partecipante". Quando si fa riferimento alla nozione di "organizzazione partecipante" si considera che essa comprenda anche un "gruppo informale di giovani".

  5. Le organizzazioni partecipanti dovranno firmare un mandato all'organizzazione richiedente. I mandati devono essere forniti nella fase di domanda e al più tardi al momento della firma della convenzione di sovvenzione. Per ulteriori informazioni, consultare la parte C della presente guida.

  6. Occorre considerare quanto segue:

    età minima: i partecipanti devono aver raggiunto l'età minima alla data di inizio dell'attività;

    età massima: all'inizio dell'attività i partecipanti non devono aver superato l'età massima indicata.

  7. Un capogruppo è un adulto che accompagna i giovani che partecipano allo scambio di giovani per garantirne l'apprendimento, la protezione e la sicurezza effettivi.

  8. Ad esempio, se una persona di Madrid (Spagna) partecipa ad un'attività che si svolge a Roma (Italia), il richiedente calcolerà la distanza da Madrid a Roma (1 365,28 km) e poi selezionerà la fascia di distanza applicabile (cioè tra 500 e 1 999 km).

  9. http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/tools/distance_it.htm.

  10. Per esempio, se un partecipante di Madrid (Spagna) prende parte a un'attività itinerante che si svolge prima a Roma (Italia) e poi a Lubiana (Slovenia), il richiedente dovrà calcolare prima la distanza tra Madrid e Roma (1 365,28 km), poi tra Roma e Lubiana (489,75 km) e sommare le due distanze (1 855,03 km); dovrà quindi selezionare la fascia di distanza del viaggio pertinente (cioè tra 500 e 1 999 km) e infine potrà calcolare la sovvenzione dell'UE che fornirà un contributo alle spese di viaggio del partecipante da Madrid a Lubiana (via Roma) e ritorno (275 EUR).

.foot {font-size: 0.8em; margin-left: 2.5em; border-top: 1px solid black;} table, td, tr{border: 1px solid black; cellpadding="1"; cellspacing="1";} table{margin-bottom: 30px;}
Tagged in: