Skip to main content

Erasmus+

EU programme for education, training, youth and sport
Search the guide

Questa pagina web non riprende ancora il contenuto della guida del programma Erasmus+ 2023.

Tuttavia è possibile scaricare la guida integrale per il 2023 nella lingua prescelta in formato PDF tramite il pulsante "Download" sul lato destro della pagina.

Sviluppo delle capacità nel campo dell'istruzione e formazione professionale

I progetti di sviluppo delle capacità sono progetti di cooperazione internazionale basati su partenariati multilaterali tra organizzazioni attive nel campo dell'IFP nei paesi aderenti al programma e nei paesi terzi non associati al programma. Tali progetti mirano a sostenere la pertinenza, accessibilità e la reattività degli istituti e dei sistemi di IFP nei paesi terzi non associati al programma come motore di sviluppo socioeconomico sostenibile.

Obiettivi dell'azione

In particolare l'azione dovrà:

  • consolidare i legami tra i paesi terzi non associati al sistema di IFP oggetto del programma e il loro mercato del lavoro, in modo da rendere l'IFP più in linea con le opportunità offerte dal locale (ed emergente) mercato del lavoro;
  • rafforzare il legame tra i profili dell'IFP e le strategie e le priorità locali/regionali/nazionali influenzate dalle competenze, in particolare quelle sostenute tramite altre azioni dell'Unione europea, al fine di garantire la coerenza;
  • accrescere le capacità degli erogatori di IFP, in particolare nei campi della gestione, della governance, dell'inclusione, della garanzia della qualità, dell'innovazione e dell'internazionalizzazione;
  • favorire l'esposizione del personale, dei dirigenti, dei decisori politici e degli insegnanti di alto livello ad approcci che avvicinano il mercato del lavoro all'IFP (apprendimento duale, sviluppo di programmi di studio con partner del settore privato ecc.);
  • migliorare le conoscenze, le competenze tecniche, manageriali e pedagogiche degli insegnanti e dei formatori dell'IFP;
  • integrare il contributo degli insegnanti/formatori, dei discenti dell'IFP e dei datori di lavoro, in particolare quelli del settore privato, nei programmi di studio, nell'elaborazione dei profili e nella riforma della formazione;
  • migliorare il livello delle competenze, le abilità e il potenziale di occupabilità dei discenti dell'IFP mediante programmi didattici di IFP nuovi e innovativi, in particolare quelli che forniscono competenze chiave, competenze linguistiche di base e abilità TIC;
  • promuovere la cooperazione tra diverse regioni del mondo mediante iniziative congiunte.

Aree tematiche

Tra le caratteristiche proprie dello sviluppo di capacità nell'IFP figurano alcune delle aree tematiche illustrate di seguito. Le proposte dovrebbero vertere su una o più delle tematiche seguenti:

  • apprendimento basato sul lavoro (per i giovani e/o gli adulti);
  • meccanismi di garanzia della qualità;
  • sviluppo professionale degli insegnanti/formatori dell'IFP;
  • competenze chiave, compresa l'imprenditorialità;
  • allineamento delle competenze nei settori economici lungimiranti;
  • sostegno allo sviluppo di competenze verdi e digitali per la duplice transizione.

Inoltre il richiedente può prevedere aree tematiche non presenti tra quelle sopra elencate. Tali aree devono dimostrare di essere particolarmente adatte a soddisfare gli obiettivi dell'invito e le esigenze individuate.

Attività

Le attività proposte devono essere direttamente collegate agli obiettivi e alle aree tematiche dell'azione, ossia devono corrispondere a una o più delle aree tematiche sopra elencate ed essere presentate in dettaglio in una descrizione del progetto che copra l'intero periodo di attuazione.

Nel contesto di questa azione internazionale estesa a tutto il mondo le attività del progetto devono concentrarsi sulla costruzione e sul rafforzamento delle capacità delle organizzazioni attive nel campo dell'IFP principalmente nei paesi terzi non associati al programma oggetto dell'azione.

I progetti finanziati potranno integrare una vasta gamma di attività di cooperazione, scambio, comunicazione e di altro tipo, tra cui:

  • creazione e sviluppo di reti e scambi di buone pratiche tra gli erogatori di IFP nei paesi terzi non associati al programma e negli Stati membri dell'UE o paesi terzi associati al programma;
  • creazione di strumenti, programmi e altri materiali atti a sviluppare le capacità degli istituti di paesi terzi non associati al programma (programmi di formazione pratica, programmi e strumenti per la valutazione e la convalida dei risultati dell'apprendimento nell'IFP, piani d'azione individuali per gli istituti partecipanti; orientamento professionale, metodi di consulenza e coaching ecc.);
  • istituzione di meccanismi atti a coinvolgere il settore privato tanto nella concezione quanto nella realizzazione dei programmi di studio e a fornire ai discenti dell'IFP un'esperienza lavorativa di elevata qualità;
  • sviluppo e trasferimento di approcci pedagogici, materiali e metodi didattici e formativi, tra cui l'apprendimento basato sul lavoro, la mobilità virtuale, le risorse didattiche aperte e una migliore valorizzazione del potenziale delle TIC;
  • sviluppo e attuazione di attività di scambio internazionali (virtuali) destinate principalmente al personale (compresi insegnanti e personale non docente, quali dirigenti scolastici, responsabili, consiglieri, consulenti ecc.).

Nel caso in cui siano proposte attività di mobilità dei discenti e del personale, queste dovrebbero contribuire direttamente agli obiettivi del progetto ed essere saldamente inquadrate nella sua logica complessiva.

Le attività proposte dovrebbero apportare un valore aggiunto e avere un impatto diretto sul raggiungimento dei risultati del progetto.

Obiettivi geografici

Il bilancio disponibile è ripartito tra diverse regioni del mondo in 12 dotazioni di bilancio, ciascuna di entità diversa. Ulteriori informazioni sull'entità di ogni singola dotazione saranno pubblicate sul portale "Funding and Tender Opportunities" (FTOP). I fondi dovranno essere utilizzati in modo bilanciato dal punto di vista geografico.

L'UE ha fissato una serie di obiettivi per quanto riguarda l'equilibrio e le priorità geografici. Inoltre gli istituti sono incoraggiati a collaborare con i partner dei paesi terzi più poveri e meno sviluppati non associati al programma.

Gli obiettivi geografici fissati per questa azione sono i seguenti:

  • Americhe e Caraibi: sarà data priorità a progetti regionali (progetti che coinvolgono più di un paese terzo ammissibile non associato al programma) o a progetti in paesi a reddito medio e basso;
  • Africa subsahariana: sarà data priorità ai paesi meno sviluppati; è inoltre posto un particolare accento sui paesi prioritari in materia di migrazione; nessun paese potrà accedere a oltre l'8 % dei finanziamenti previsti per la regione di riferimento;
  • Balcani occidentali: sarà data priorità alla mobilità dei discenti.

Priorità regionali e trasversali

A seconda dei paesi coinvolti nel progetto possono essere definite priorità regionali o trasversali. In tale ipotesi, i progetti dovranno dimostrare il modo e la misura in cui intendono affrontarle.

L'elenco dettagliato delle priorità applicabili ai progetti di sviluppo delle capacità sarà pubblicato sul portale "Funding and Tender Opportunities" (FTOP).

Messa a punto di un progetto

Un progetto di sviluppo delle capacità nel campo dell'IFP si articola in quattro fasi:

  1. individuazione e avvio del progetto;
  2. preparazione, progettazione e pianificazione del progetto;
  3. attuazione del progetto e monitoraggio delle attività;
  4. revisione del progetto e valutazione d'impatto.

Si noti che, mentre le attività preparatorie possono iniziare prima che la proposta sia presentata o selezionata per il finanziamento, i costi possono essere sostenuti e le attività possono essere attuate solo dopo la firma della convenzione di sovvenzione.

Le organizzazioni partecipanti e i singoli partecipanti coinvolti nelle attività dovrebbero assumere un ruolo attivo in tutte queste fasi, migliorando così la loro esperienza di apprendimento.

Individuazione e avvio

Individuare un problema, un bisogno o un'opportunità affrontabili tramite la propria idea di progetto nel contesto dell'invito a presentare proposte; individuare le attività chiave e i principali risultati conseguibili grazie al progetto; eseguire una rilevazione dei portatori di interessi e dei potenziali partner; formulare gli obiettivi del progetto; assicurare l'aderenza del progetto agli obiettivi strategici delle organizzazioni partecipanti; eseguire una prima pianificazione per garantire un avvio corretto del progetto e raccogliere le informazioni necessarie per passare alla fase successiva ecc.

Preparazione, concezione e pianificazione

Specificare l'ambito del progetto e l'approccio adeguato; delineare chiaramente la metodologia proposta assicurando la coerenza tra gli obiettivi e le attività del progetto; decidere un programma per lo svolgimento dei compiti; stimare le risorse necessarie e sviluppare i dettagli del progetto, per esempio la valutazione delle necessità; definire obiettivi fondati e indicatori d'impatto (specifici, misurabili, raggiungibili, pertinenti e limitati nel tempo); individuare i risultati del progetto e dell'apprendimento; sviluppare il programma di lavoro, le tipologie di attività, l'impatto previsto, il bilancio complessivo stimato; preparare un piano di attuazione del progetto e un piano di comunicazione valido e realistico che includano gli aspetti strategici della governance del progetto, il monitoraggio, il controllo della qualità, la rendicontazione e la diffusione dei risultati; definire le modalità pratiche e confermare i gruppi destinatari delle attività previste; stringere accordi con i partner e scrivere la proposta ecc.

Attuazione e monitoraggio delle attività

Attuare il progetto secondo i piani soddisfacendo gli obblighi di rendicontazione e comunicazione; monitorare le attività in corso e valutare i risultati del progetto rispetto ai piani; individuare e adottare azioni correttive per affrontare gli scostamenti dai piani e per risolvere problemi e rischi; individuare gli aspetti non conformi alle norme di qualità stabilite e adottare azioni correttive ecc.

Riesame e valutazione d'impatto

Valutare i risultati del progetto rispetto agli obiettivi e ai piani di attuazione; valutare le attività e il loro impatto a diversi livelli, condividere e utilizzare i risultati del progetto ecc.

Inoltre, ove opportuno e in termini proporzionali, i progetti dovrebbero:

  • integrare un piano d'azione a lungo termine finalizzato alla progressiva introduzione dei risultati dei progetti dopo la conclusione degli stessi (basato su partenariati duraturi), comprese misure di scalabilità e di sostenibilità finanziaria;
  • garantire un'adeguata visibilità e un'ampia diffusione dei risultati del progetto tra i partner pertinenti, a livello transnazionale, nazionale e/o regionale.

Aspetti orizzontali da considerare nell'elaborazione del progetto

Oltre al rispetto dei criteri formali e alla definizione di un accordo di cooperazione sostenibile con tutti i partner di progetto, gli elementi seguenti possono contribuire ad aumentare l'impatto e la qualità dell'attuazione di progetti di sviluppo delle capacità durante le diverse fasi del progetto.

I richiedenti sono incoraggiati a tenere conto di queste opportunità e di queste dimensioni durante l'elaborazione dei loro progetti.

Inclusione e diversità

Il programma sostiene progetti che promuovono l'inclusione sociale e mirano a coinvolgere un numero crescente di persone con minori opportunità, comprese le persone con disabilità e le persone provenienti da un contesto migratorio, le persone che vivono in zone rurali e remote, le persone che si trovano in difficoltà socioeconomiche o che incontrano qualsiasi altra potenziale fonte di discriminazione basata su sesso, razza o origine etnica, religione o credo, disabilità, età od orientamento sessuale. I progetti Erasmus+ aiuteranno questi gruppi ad affrontare gli ostacoli che incontrano nell'accedere alle opportunità offerte dal programma, oltre a contribuire alla creazione di ambienti inclusivi che promuovano l'equità e l'uguaglianza e che siano reattivi di fronte alle esigenze della comunità in senso lato.

Sostenibilità ambientale

Il programma sostiene la sensibilizzazione alle sfide legate all'ambiente e ai cambiamenti climatici. Si incoraggia la presentazione di progetti finalizzati allo sviluppo di competenze in vari settori rilevanti per la sostenibilità, allo sviluppo di strategie e metodologie in materia di competenze settoriali "verdi", nonché a programmi di studio innovativi che meglio soddisfano le esigenze delle persone. Il programma sostiene anche la sperimentazione di pratiche innovative destinate a preparare i discenti e gli erogatori di IFP ad essere reali fattori di cambiamento (ad es. risparmio di risorse, riduzione di consumo energetico e di rifiuti, compensazione delle emissioni dell'impronta di carbonio, adozione di scelte più sostenibili in termini di prodotti alimentari e di mobilità ecc.).

Dimensione digitale

Il programma sostiene i piani di trasformazione digitale dell'istruzione primaria e secondaria e dell'istruzione e formazione professionale (IFP) e promuove l'uso mirato delle tecnologie digitali. Ciò comprende anche lo sviluppo di una pedagogia digitale e di competenze nell'uso degli strumenti digitali, comprese tecnologie accessibili e assistive e la creazione e l'uso innovativo di contenuti educativi digitali.

Valori comuni, impegno civico e partecipazione

Il programma sostiene la cittadinanza attiva e l'etica nell'apprendimento permanente. I progetti dovrebbero offrire opportunità di partecipazione delle persone alla vita democratica, all'impegno sociale e civico. L'attenzione sarà rivolta anche alla sensibilizzazione e alla comprensione del contesto dell'Unione europea, in particolare riguardo ai valori comuni, ai principi di unità e di diversità, all'identità e alla consapevolezza culturali, come pure al patrimonio sociale e storico.

Quali sono i criteri da soddisfare per presentare domanda per un progetto di sviluppo delle capacità nel campo dell'ifp?

Criteri di ammissibilità

Per poter beneficiare di una sovvenzione Erasmus, le proposte di progetti relativi allo sviluppo delle capacità nel campo dell'IFP devono soddisfare i criteri indicati di seguito.

Chi può fare domanda?

Può candidarsi qualsiasi organizzazione pubblica o privata attiva nel campo dell'IFP e legalmente stabilita in uno Stato membro dell'UE o paese terzo ammissibile associato al programma). Il richiedente presenta la domanda per conto di tutte le organizzazioni partecipanti coinvolte nel progetto.

Quale tipo di organizzazione può partecipare al progetto?

Organizzazioni partecipanti ammissibili:

  • gli erogatori di istruzione e formazione professionale legalmente stabiliti in uno Stato membro dell'UE o in un paese terzo ammissibile associato al programma o in un paese terzo ammissibile non associato al programma;
  • altre organizzazioni pubbliche o private attive nel campo dell'IFP e nel mercato del lavoro e legalmente stabilite in uno Stato membro dell'UE o in un paese terzo ammissibile associato al programma o in un paese terzo ammissibile non associato al programma;
  • partner associati del settore pubblico o privato che contribuiscono all'attuazione di specifici compiti/attività del progetto o che sostengono la diffusione e la sostenibilità del progetto. Per questioni di gestione contrattuale, i partner associati non sono considerati partner del progetto e non ricevono finanziamenti.

Paesi terzi non associati al programma ammissibili a questa azione:

  • sono ammissibili tutti i paesi terzi non associati al programma (cfr. la sezione "Paesi ammissibili" nella parte A della presente guida) delle regioni 1, 2, 3, 4, 9, 10 e 11.

Eccezione: le organizzazioni bielorusse (regione 2) non possono partecipare a questa azione.

Numero e profilo delle organizzazioni partecipanti

I progetti di sviluppo delle capacità sono transnazionali e coinvolgono almeno quattro organizzazioni di almeno tre paesi: almeno una organizzazione di due diversi Stati membri dell'UE e paesi terzi associati al programma e almeno due organizzazioni di almeno un paese terzo ammissibile non associato al programma.

Il numero di organizzazioni degli Stati membri dell'UE e dei paesi terzi associati al programma non può essere superiore al numero di organizzazioni dei paesi terzi non associati al programma

Sede (o sedi) dell'attività

L'attività deve svolgersi nei paesi delle organizzazioni partecipanti, salvo in casi debitamente giustificati in relazione agli obiettivi dell'azione.

Inoltre, se debitamente giustificate in relazione agli obiettivi o all'attuazione del progetto:

  • le attività possono anche aver luogo presso la sede di un'istituzione dell'Unione europea, anche se nel progetto non vi sono organizzazioni partecipanti del paese in cui l'istituzione ha sede;
  • le attività che prevedono la condivisione e la promozione dei risultati possono anche svolgersi in occasione di eventi/conferenze tematiche transnazionali pertinenti negli Stati membri dell'UE o nei paesi terzi associati al programma o nei paesi terzi non associati al programma.

Durata del progetto

I progetti possono avere una durata di uno, due o tre anni. La durata deve essere scelta nella fase di presentazione delle candidature, sulla base dell'obiettivo del progetto e del tipo di attività previste nel tempo.

Dove fare domanda?

Presso l'Agenzia esecutiva europea per l'istruzione e la cultura (EACEA).

Codice identificativo dell'invito: ERASMUS-EDU-2022-CB-VET

Quando fare domanda?

I richiedenti devono presentare la domanda di sovvenzione entro il 31 marzo alle 17:00:00 (ora di Bruxelles).

Altri criteri

Un richiedente può presentare una sola proposta per termine di presentazione. Se il medesimo richiedente presenta più di una proposta, sarà presa in considerazione solo quella presentata per prima, mentre le altre saranno automaticamente respinte.

Le organizzazioni richiedenti saranno valutate rispetto ai pertinenti criteri di esclusione e selezione. Per ulteriori informazioni, consultare la parte C della presente guida.

Impatto previsto

I progetti sovvenzionati dovrebbero dimostrare l'impatto previsto ottenendo i risultati seguenti:

  • intensificazione dei legami tra il sistema di IFP e il mercato del lavoro dei paesi terzi non associati al programma;
  • miglioramento dei collegamenti tra i profili dell'IFP e le strategie e le priorità locali/regionali/nazionali;
  • miglioramento delle capacità degli erogatori di IFP, in particolare nei campi della gestione, della governance, dell'inclusione, della garanzia della qualità, dell'innovazione e dell'internazionalizzazione;
  • maggiore esposizione del personale, dei dirigenti, dei decisori politici e degli insegnanti di alto livello ad approcci che avvicinano il mercato del lavoro all'IFP;
  • miglioramento delle conoscenze, delle competenze tecniche, gestionali e pedagogiche degli insegnanti e dei formatori dell'IFP;
  • contributo più efficace degli insegnanti/formatori, dei discenti dell'IFP e dei datori di lavoro ai programmi di studio, all'elaborazione dei profili e alla riforma della formazione;
  • miglioramento del livello delle competenze, delle abilità e del potenziale di occupabilità dei discenti IFP;
  • rafforzamento della cooperazione tra le diverse regioni del mondo attraverso iniziative congiunte;
  • sviluppo delle competenze delle organizzazioni partecipanti in materia di sostenibilità ambientale;
  • miglioramento delle abilità e delle competenze digitali del pubblico destinatario attraverso attività e iniziative adeguate;
  • maggiori competenze sociali e interculturali nel campo dell'IFP.

Criteri di aggiudicazione

Pertinenza del progetto - (punteggio massimo 30 punti)

  • Pertinenza della proposta rispetto agli obiettivi e alle aree tematiche dell'azione.
  • La misura in cui:
    • la proposta risponde agli obiettivi geografici dell'azione;
    • la proposta affronta le priorità regionali e trasversali dei paesi terzi non associati al programma interessato;
    • la proposta è fattibile nel contesto locale del paese o dei paesi interessati;
    • gli obiettivi sono chiaramente definiti, realistici e affrontano questioni pertinenti alle organizzazioni partecipanti e ai gruppi destinatari;
    • la proposta è innovativa e/o complementare alle altre iniziative già svolte dalle organizzazioni partecipanti;
    • le attività di sviluppo delle capacità sono chiaramente definite e mirano a rafforzare le capacità delle organizzazioni partecipanti;
    • le attività si inseriscono nelle strategie di sviluppo degli erogatori di IFP interessati e nelle strategie di sostegno a livello nazionale, compresa la maggiore attenzione all'occupabilità, all'inclusione, alla diversità e, se del caso, ai partecipanti svantaggiati dal punto di vista socioeconomico;
    • gli aspetti orizzontali del programma sono stati presi in considerazione.

Qualità dell'elaborazione e dell'attuazione del progetto - (punteggio massimo 30 punti)

  • La chiarezza, la completezza e la qualità del programma di lavoro, comprese fasi appropriate per la preparazione, l'attuazione, il monitoraggio, la valutazione e la diffusione.
  • L'adeguatezza e la qualità della metodologia proposta rispetto alle esigenze individuate.
  • Il carattere innovativo degli approcci proposti: utilizzo e accessibilità delle tecnologie digitali, creazione e impiego innovativo dei contenuti dell'istruzione digitale, pratiche innovative per preparare i discenti e gli erogatori di IFP a diventare promotori della sostenibilità ambientale e del cambiamento, ecc.
  • La coerenza tra gli obiettivi del progetto e le attività proposte.
  • La qualità e l'efficacia del piano di lavoro, compresa la misura in cui le risorse assegnate alle varie unità di progetto sono adeguate ai loro obiettivi e risultati.
  • La qualità dei metodi di apprendimento non-formale proposti.
  • La qualità delle modalità di selezione dei partecipanti in relazione agli obiettivi di inclusione e diversità.
  • La qualità delle disposizioni per il riconoscimento e la convalida dei risultati dell'apprendimento dei partecipanti, nonché l'uso coerente degli strumenti di trasparenza e riconoscimento europei.
  • L'esistenza e la pertinenza delle misure di controllo della qualità per assicurare che l'attuazione del progetto sia di alta qualità, sia completata in tempo e rientri nel bilancio.
  • La misura in cui il progetto è efficace dal punto di vista dei costi e assegna risorse adeguate a ogni attività.
  • L'adeguatezza delle misure per la selezione e/o il coinvolgimento dei partecipanti alle eventuali attività di mobilità (fare riferimento alla sezione "Protezione, salute e sicurezza dei partecipanti" della parte A della presente guida e alle altre prescrizioni e raccomandazioni applicabili ai progetti di mobilità nell'ambito dell'azione chiave 1).

Qualità del partenariato e degli accordi di cooperazione - (punteggio massimo 20 punti)

  • La misura in cui:
    • il progetto prevede un'adeguata combinazione di organizzazioni partecipanti complementari, con i profili, l'esperienza e le competenze necessari a realizzare con successo tutti gli aspetti del progetto;
    • la distribuzione delle responsabilità e dei compiti dimostra l'impegno e il contributo attivo di tutte le organizzazioni partecipanti;
  • L'esistenza di meccanismi efficaci per il coordinamento e la comunicazione tra le organizzazioni partecipanti, nonché con gli altri soggetti interessati pertinenti.

Impatto - (punteggio massimo 20 punti)

  • La qualità delle misure per la valutazione dei risultati del progetto.
  • Il potenziale impatto del progetto:
    • sui singoli partecipanti e sulle organizzazioni partecipanti, durante lo svolgimento del progetto e dopo la sua conclusione;
    • al di fuori delle organizzazioni e degli individui che partecipano direttamente al progetto, a livello locale, regionale, nazionale e/o internazionale.
  • La qualità del piano di diffusione: l'adeguatezza e la qualità delle misure che mirano alla condivisione dei risultati del progetto all'interno e all'esterno delle organizzazioni partecipanti.
  • Se pertinente, la proposta precisa in che modo i materiali, i documenti e i supporti prodotti saranno resi gratuitamente disponibili e promossi attraverso libere licenze, senza che siano previste limitazioni sproporzionate.
  • La qualità dei piani per assicurare la sostenibilità del progetto: la sua capacità di continuare ad avere un impatto e di produrre risultati dopo il termine della sovvenzione dell'UE.

Per essere considerate per il finanziamento, le proposte devono ottenere almeno 60 punti su un totale di 100.

Inoltre devono ottenere almeno la metà del punteggio massimo in ciascuno dei quattro criteri di aggiudicazione summenzionati (cioè minimo 15 punti per "Pertinenza del progetto" e "Qualità dell'elaborazione e dell'attuazione del progetto"; 10 punti per "Qualità del partenariato e degli accordi di cooperazione" e "Impatto").

Informazioni supplementari

L'approvazione di una candidatura non equivale al riconoscimento di un finanziamento pari a quello richiesto nella candidatura stessa. Il finanziamento richiesto potrà essere ridotto sulla base delle regole finanziarie applicabili all'azione e degli esiti della valutazione.

Di norma, ed entro i limiti dei quadri giuridici nazionali ed europei esistenti, i risultati dovrebbero essere resi disponibili sotto forma di risorse didattiche aperte (OER) e nelle pertinenti piattaforme professionali, settoriali o delle autorità competenti. La proposta descriverà il modo in cui la produzione di dati, materiali e documenti nonché le attività di tipo audiovisivo e nei social media saranno messe a disposizione gratuitamente e promosse mediante licenze aperte senza contenere limitazioni sproporzionate.

Quali sono le norme di finanziamento?

Il finanziamento di questa azione avverrà su base forfettaria. L'importo forfettario di ogni sovvenzione sarà determinato in base al bilancio dell'azione proposta stimato dal richiedente. L'ente che assegnerà la sovvenzione ne fisserà l'importo forfettario in base alla proposta, al risultato della valutazione, ai tassi di finanziamento e all'importo massimo della sovvenzione indicato nell'invito a presentare proposte.

La sovvenzione dell'UE per progetto varia da un minimo di 100 000 EUR a un massimo di 400 000 EUR.

Come è stabilito l'importo forfettario per ciascun progetto?

I richiedenti devono compilare un bilancio dettagliato (tabella) sulla base del modulo di candidatura, tenendo conto dei seguenti punti:

  • il bilancio dovrebbe essere debitamente dettagliato per beneficiario e organizzato in unità di progetto coerenti (per esempio diviso in "gestione del progetto", "formazione", "organizzazione di eventi", "preparazione e attuazione della mobilità", "comunicazione e divulgazione", "garanzia della qualità" ecc.);
  • la proposta deve descrivere le attività previste in ogni unità di progetto;
  • nella loro proposta i richiedenti devono inserire una ripartizione dell'importo forfettario che mostri la quota attribuita a ciascuna unità di progetto (e, all'interno di ogni unità di progetto, la quota assegnata a ciascun beneficiario e ente affiliato);
  • i costi descritti possono riguardare il personale, le spese di viaggio e di soggiorno, i costi per le attrezzature, per il subappalto e altri costi (diffusione di informazioni, pubblicazioni, traduzione).

Le proposte saranno valutate secondo le normali procedure di valutazione con l'aiuto di esperti interni e/o esterni. Gli esperti valuteranno la qualità delle proposte rispetto ai requisiti definiti nell'invito e rispetto all'impatto, alla qualità e all'efficienza previsti dell'azione. Dopo la valutazione della proposta, l'ordinatore stabilirà l'importo forfettario tenendo conto dei risultati della valutazione effettuata. Il valore dell'importo forfettario sarà limitato a un massimo dell'80 % del bilancio stimato determinato dopo la valutazione.

I parametri della sovvenzione (importo massimo, tasso di finanziamento, costi totali ammissibili ecc.) saranno fissati nella convenzione di sovvenzione.

Gli esiti del progetto saranno valutati in base ai risultati raggiunti. Il regime di finanziamento consentirebbe di concentrarsi sui risultati piuttosto che sui contributi, ponendo così l'accento sulla qualità e sul livello di conseguimento di obiettivi misurabili.

Maggiori dettagli sono descritti nel modello di convenzione di sovvenzione disponibile nel portale "Funding and Tender Opportunities".

Tagged in:  Mobilità degli studenti e del personale delle organizzazioni IFP